Usa il codice sconto IORESTOACASANTICA per avere una copia gratuita di CasAntica in versione DIGITALE

La Bottega di Betti arriva a Milano con tante idee originali per i regali di Natale

bottega betti milano temporary store

La Bottega di Betti arriva a Milano per aprire la stagione natalizia con i famosi nidi per uccellini e gli altri suppellettili originali realizzati con perizia da Maurizio Betti, nobile artigiano e restauratore.

maurizio betti bottega di betti

Maurizio Betti è un volto noto delle principali mostre mercato dedicate al garden design, al paesaggio e all’artigianato. La sua bottega, un giardino-studio incantato a Santarcangelo di Romagna (Rimini), sforna alzatine per la tavola, mensoline decorate a mano, cartigli, vasi in ceramica, miniature su pergamena, piccoli dipinti a tempera, cornici, specchiere, statue di animaletti modellate con la malta, contenitori di recupero, fioriere, pentole, tegami e tinozze restaurate. E, ovviamente, le casette di legno e le mangiatoie per uccellini, divenute un simbolo del birdgarden.

bottega di betti arredi artigianato

“Il giardino ideale – ha spiegato Maurizio Betti sulle pagine di GiardinAntico 48 – deve avere un forte senso di spontaneità e le piante rustiche del luogo. Deve essere popolato di animali, perché è un microcosmo che insegue l’armonia. E deve essere arredato con gli oggetti del passato e i materiali di recupero, perché in un mondo dove esiste già tanto, se non tutto, è necessario saper reinventare l’esistente, con fantasia e alta artigianalità, per dare una seconda vita agli oggetti dimenticati”.

bottega di betti

L’appuntamento con il Battito Temporary Store La Bottega di Betti è a Milano, in Piazza Wagner (esterno mercato comunale, fronte chiesa), dal 24 novembre all’1 dicembre, per trovare il regalo perfetto: un arredo originale per il giardino, il balcone o il terrazzo. Pezzi unici, realizzati a mano, per portare nelle case milanesi la favola dell’artigianato italiano e la luce calda dell’atmosfera natalizia.

bottega betti arredi artigianato

“Quando ero un bambino – racconta Maurizio Betti – mio nonno giardiniere mi portava con sé al lavoro. Ricordo ancora i pomeriggi trascorsi nei parchi e nei giardini delle ville più belle dei colli riminesi. Il nonno mi dava un pugno di argilla e mi diceva: ‘Gioca!’. Iniziai così a modellare animali, creature magiche. Da allora, il tempo si è fermato: ancora oggi, quando sono in bottega di fronte al banco da lavoro, torno con la mente sotto quell’albero secolare e mi ritrovo a giocare”.

bottega betti artigianato garden design orticola

 


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati