Luce vintage

vetrata industriale vintage

Le pareti vetrate, affacciate sugli esterni o utilizzate come barriere interne, stanno conoscendo grande fortuna. Queste soluzioni di gusto industriale sono spesso adottate con i metodi grammaticali di base. In futuro, saranno utilizzate con accorgimenti sempre più sottili e ricercati. Un esempio è la parete scorrevole nella foto. L’abbiamo ammirata all’interno di Ferramenta, un ristorante di Santarcangelo di Romagna (RN) pieno zeppo di stimoli e spunti creativi all’insegna del recupero, visitato per CasAntica 87.

Per questa inferriata sono stati usati vetri diversi: trasparenti, opachi, satinati, zigrinati... La loro alternanza ha una prima chiave di lettura semplice ed elementare: evoca le pareti industriali realmente vissute, quelle con i vetri sostituiti alla bell’e meglio negli anni.

L’utilizzo congiunto di vetri trasparenti e opachi ha una seconda ragion d’essere ancor più sfiziosa. Una parete di soli vetri trasparenti avrebbe consentito la piena visibilità dell’ambiente confinante, infrangendo, però, la percezione di privacy. Per contro, una parete di soli vetri opachi avrebbe ostacolato la visuale della stanza comunicante, rendendo più angusti e “rigidi” entrambi gli ambienti. In questo caso, l’alternanza di trasparenze e opacità ha consentito un intrigante gioco di vedo-non vedo, di raccoglimento intimo e di apertura prospettica, regalando ai due ambienti atmosfere cangianti e sempre diverse.

Potrebbe sembrare una minuzia. Ma, a ben guardare, la genialità si annida proprio nella capacità di scorgere e di far tesoro di questi accorgimenti ai limiti dell’impercettibile. Ne convenite?


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati