Claudio Ciotola

Si chiama Claudio Ciotola, ha 36 anni e vive alle porte di Roma. Da quando il nostro sito è apparso in Rete, Claudio è stato il primo a scriverci per raccontarci la sua passione per l’antico. “Qualche anno fa ho lasciato la vita impiegatizia per dedicarmi anima e corpo alla passione più grande della mia vita, la scultura. Ho sempre amato la pietra, il ferro, il legno, il cotto... Sembrerò matto ma quasi mi commuovo di fronte a questi materiali. Ho scoperto la vostra rivista qualche tempo fa e da allora non posso farne a meno”.
Quel breve messaggio, intriso di spontaneità e di entusiasmo, ci ha colpiti non poco. Così abbiamo ricontattato Claudio, chiedendogli di inoltrarci – per nostra pura curiosità - le foto di alcune sue opere, realizzate in pietra di Vicenza. Diverse persone dello staff di CasAntica hanno alle spalle studi artistici e storico-artistici. E siamo rimasti colpitissimi dalle sculture di Claudio, che rivelano un’autorevolezza, una dignità artistica e una consapevolezza storica del linguaggio scultoreo che non ci aspettavamo. Così, benché l’argomento si discosti un po’ dalle tematiche della nostra rivista, abbiamo pensato di presentarle sul sito e – perché no? - di varare una nuova “rubrica” (a periodicità imprevedibile) dedicata alle scelte di vita dei nostri appassionati e alla loro creatività. “E’ un piacere per me inviarvi alcune fotografie delle mie sculture – ci ha scritto Claudio - Un paio di anni fa, a pochi mesi dal matrimonio, io e mia moglie abbiamo fatto una scelta radicale, abbiamo deciso di voler seguire i nostri sogni e lasciare la sicurezza che avevamo. Una vita da dedicare alla famiglia: qualche mese fa si è unito a noi Michele. La volontà di ricercare la tradizione, la manualità nella vita quotidiana senza dover dipendere dall’informatica in tutto e per tutto... Pane, pasta e pizza preparati a casa, con semplicità e amore, tanto per fare un esempio. Insomma, ritrovare e fare propri quei valori e quei gesti che senza andare troppo indietro nel tempo appartengono o appartenevano ai nostri nonni. Tutto questo sentimento lo sento nei materiali, quasi più in una singola pietra di fiume che in un marmo pregiato. Li considero nobili, non è più un discorso di rustico o altro, è l'essenza dell'eleganza, la semplicità e l'equilibrio”.
“Proprio in questo periodo mia moglie ed io siamo alla ricerca di un terreno dove costruire il nostro nido che, neanche a dirlo, vorremmo in pietra e legno, anche se la zona a nord di Roma dove viviamo vive di tufo, materiale che però non amo particolarmente. Magari un rudere da ristrutturare, vedremo cosa ci riserverà il futuro”.

Ph. Claudio Ciotola


Lascia un commento